Giovedi, 22 agosto 2019 - ORE:08:53

“Antonio Canova, il segno della bellezza”: un volume che è anche un’opera d’arte

Smartwatch free
Loading...

La forma plastica non rappresenta la figura, ma la sublima, ne trasforma l’essenza, la cala e la isola nello spazio reale e, isolandola, la idealizza: forma-oggetto che risolve in sé ogni relazione spaziale, si racchiude in un involucro impenetrabile, si pone come presenza altamente problematica dell’ideale nel reale, dell’assoluto nel relativo. Questa frase di Antonio Canovaspiega molto bene il suo credo e il suo modo di lavorare. In occasione dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale è uscita un’opera dedicata proprio al celebre scultore vissuto a cavallo tra il ‘700 e l’800. Si tratta di “Antonio Canova, il segno della bellezza”, un volume prezioso e che riesce a condensare in modo preciso e accurato grandi competenze, sia artistiche che culturali, per comprendere meglio chi era questo straordinario personaggio.

Si tratta di un libro ma può anche essere considerato una vera e propria opera d’arte. Gli appassionati del genere non possono lasciarsi sfuggire una occasione simile. L’omaggio a Canova è sentito e fortissimo, inoltre se ne può parlare come di una sorta di “monumento” a quello che viene considerato un patrimonio imprescindibile della nostra cultura. L’opera non è altro che il risultato finale del lavoro certosino e infaticabile di Giuseppe Pavanello, il quale insegna Storia dell’Arte Moderna presso l’Università di Trieste.

Il docente ha dedicato gran parte dei propri studi ad Antonio Canova, quindi il volume raccoglie tutti i suoi testi con una suddivisione in tre parti. La prima è quella che tratta e delinea il Canova scultore, mentre la seconda riguarda i dipinti realizzati (Canova era anche un apprezzato pittore), i disegni e anche le incisioni. Inoltre c’è la terza sezione in cui si parla del metodo di lavoro dello scultore nello specifico. Pavanello ha anche dato vita a un testo inedito, una vera chicca per gli amanti del genere. In pratica il professore ha descritto come nessun altro avrebbe saputo fare il percorso umano di Antonio Canova, unico e inimitabile, oltre a quello artistico.

Di solito si parla delle sue sculture, ma il confronto e il collegamento con tutte le altre opere consentono diapprezzare il personaggio a tutto tondo. L’elenco delle realizzazioni artistiche meno note comprende i bozzetti, i monocromi e i gessi, un modo utile per far capire quanto l’artista fosse fuori dal comune e per questo motivo geniale. L’opera è incentrata poi sul grande segreto che riguardava Antonio Canova, vale a dire la tecnica usata per rendere il marmo identico alla carne umana. Gli esemplari del volume sono mille, 975 con i numeri arabi e gli altri 25 con quelli romani. I libri sono stati pensati per rappresentanti delle istituzioni, autori e molto altro ancora.

Le pagine sono circa 400, complete di riproduzioni fotografiche e scatti pregevoli per guardare da vicino le migliori opere di Antonio Canova. L’attenzione nei confronti del genio del marmo è ancora altissima, come testimoniato da una notizia che è apparsa su tutti i giornali in questi ultimi giorni. Uno dei suoi busti è stato venduto a Montecarlo a ben 2,5 milioni di euro, una cifra davvero importante. Si sta parlando della scultura che raffigura Lucrezia d’Este, la nipote del Re di Francia Luigi XII, una donna che visse nel ‘500. L’opera invece risale al 1821 e non veniva mostrata in pubblico dal lontano 1928, oltre nove decenni fa per la precisione.

Fino a poco tempo fa era di proprietà di un collezionista che vive in Svizzera, appartenente a una famiglia che ne era in possesso proprio dall’800. Non è comunque il record assoluto per Antonio Canova e perla vendita di un pezzo uscito dalle sue sapienti mani. Giusto due anni la casa d’aste Sotheby’s riuscì a incassare sei milioni di euro per un’altro busto, poco più di quanto totalizzato per un’opera che rappresentava Gioacchino Murat (4,3 milioni di euro).

CLICCA QUI E RICEVI L’OFFERTA



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 4 minutes, 35 seconds
Scrivi la tua opinione

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.